Wheelchair Basket

Basket in carrozzina (wheelchair basket)
Gli atleti con disabilità intellettiva e relazionale giocano in piedi con le regole della pallacanestro. Gli atleti con disabilità fisica giocano in carrozzina, con regole leggermente adattate.
Nel basket in carrozzina, in base alle capacità funzionali, ad ogni giocatore viene assegnato un punteggio che va da 0,5 a 4,5, ossia da una disabilità maggiore (e quindi potenzialità fisiche minori) a una disabilità minore (quindi potenzialità fisiche maggiori). Al fine di garantire il massimo equilibrio tra le squadre in campo, durante le partite la somma dei valori di ogni quintetto non deve superare i 14,5 punti. L’adattamento principale rispetto al basket in piedi riguarda l’infrazione di passi: obbligo di palleggio ogni due spinte alle ruote, anziché dopo due passi.


La storia
1984: data di nascita della prima squadra, per iniziativa di Marco Nicolini e dei compagni che, dopo un anno di atletica e di nuoto, vogliono passare a un gioco di squadra. Inizia nel campionato italiano di serie B; massimo splendore in serie A dal 1992 al 2000; vince il “Torneo del Giubileo” a Vienna nel 1994 battendo le più forti compagini europee; disputa la coppa Vergauwen ad Atene nel 1996; fornisce giocatori alla nazionale italiana, come Marco Nicolini. La squadra si scioglie nel 2000, contribuendo alla nascita di altre squadre in Emilia; si ricompone nel 2002, gioca in serie B nelle prime posizioni; sale in A nel 2015 e poi ancora in B, sempre temuta e bene in vista. Ha dato giocatori alla nazionale italiana. Da novembre 2011 la divisa porta il nome dello sponsor LAUMAS ELETTRONICA. Nella stagione 2017-18, grazie alla collaborazione con Vico Basket, fanno parte della GiocoParma asd le squadre giovanili (in piedi) under 14 e 15 élite.

Per il calendario e i risultati del CAMPIONATO 2018-19 vai alla pagina Campionati > Wheelchair BASKET